Il paradosso della libertà. Lezioni religione Russell-Newton

Si riuniscono qui i materiali usati nel lungo periodo che abbiamo dedicato al tema della libertà. La libertà è il valore supremo per noi uomini del terzo millennio.

La libertà è, per i credenti in Cristo, il dono più grande (per parafrasare Cervantes) che  Dio ha fatto all’uomo, rinunciando, davanti ad essa, alla Sua Onnipotenza.

Ma la libertà cos’è? Il primo aspetto che abbiamo affrontato è stato quello della libertà come opzione che influisce sulla ragione nel riconoscimento della realtà come segno del Mistero. Le cose che ci circondano e i desideri che ci costituiscono, rimandano a un Oltre, a Dio, ma noi possiamo decidere di non seguire la dinamica del segno e limitarci alla realtà come appare. Ma facendolo, magari in nome di una razionalità, rinunciamo all’invito che la realtà stessa rivolge alla ragione.

 

1.

A questo proposito, il racconto “La casa del cacciatore”, scritto tanti anni fa proprio tra le mura del Russell-Newton, quando ancora era il “Liceo Scientifico di Scandicci”, è un esempio, per analogia di come si può usare la ragione in modi diversi, a causa di un’opzione della libertà.

 

2.

Poi abbiamo visto esempi di uso della libertà davanti al mistero della vita:

La vicenda del DJ Fabo e tutta la problematica del fine-vita, in questo momento cosí attuale, con la lettera che gli fu scritta prima della sua “morte assistita” da Matteo, un ragazzo diciannovenne tetraplegico che lo supplicava di continuare a lottare e vivere.

 

3.

Poi altri testi sulla libertà che aiutano a porre la questione in modo adeguato

Si possono leggere seguendo questo link

 

4.

La testimonianza di EDIMAR, un ragazzino delle favelas di Brasilia, che negli anni novanta decise, a costo della morte, di non uccidere più nessuno, perché l’incontro con la sua professoressa, Semia, gli aveva fatto scoprire un altro cielo sotto cui spendere la vita.

5.

Infine un PDF dal titolo Il paradosso della libertà, in cui dopo una serie di definizioni della libertà secondo vari personaggi della cultura, si riflette sull’esperienza che indica che la vera libertà si compie nella religiosità, cioè nella dipendenza vissuta e amata da Dio. Quest’ultimo tema è ovviamente controverso, ma è importante affrontarlo, anche se è controcorrente rispetto al modo più diffuso di pensare.

Provare per credere.

POST SCRIPTUM

Come bonus una canzone di un cantautore argentino, ANDRÉS CALAMARO, dal titolo LA LIBERTAD nella versione dei TAN BIONICA.

https://drive.google.com/open?id=0B-QCEOy9CMCgSE11ZGpwVDBtdnM