6 novembre 2016. Giubileo dei carcerati: l’inizio della libertà è essere perdonati

547a7d16924688da0055bad125e02145

Il cielo è, al di sopra del tetto, /così azzurro, così calmo! /Un albero, al di sopra del tetto, /dondola la sua palma. /La campana, nel cielo che si vede, /dolcemente rintocca.  /Un uccello, sull’albero che si vede, /canta il suo lamento. /Dio mio, Dio mio, la vita è là, /semplice e tranquilla. /Quel placido brusio /viene dalla città. /Che hai fatto, tu che sei qui /e piangi senza fine, /dì, che ne hai fatto, tu che sei qui,della tua giovinezza?        Paul Verlaine

In occasione del Giubileo dei Carcerati  un articolo, apparso su L’Osservatore Romano, di Dario Viganó, Prefetto della Segreteria  della comunicazione del Vaticano.

 

L’Omelia splendida di Papa Francesco:

Cari detenuti, è il giorno del vostro Giubileo! Che oggi, dinanzi al Signore, la vostra speranza sia accesa. (…)  Io vi dico: ogni volta che entro in un carcere mi domando: “Perché loro e non io?”. Tutti abbiamo la possibilità di sbagliare: tutti. In una maniera o nell’altra abbiamo sbagliato. (…) E puntare il dito contro qualcuno che ha sbagliato non può diventare un alibi per nascondere le proprie contraddizioni. Sappiamo infatti che nessuno davanti a Dio può considerarsi giusto (cfr Rm 2,1-11). Ma nessuno può vivere senza la certezza di trovare il perdono! Il ladro pentito, crocifisso insieme a Gesù, lo ha accompagnato in paradiso (cfr Lc 23,43). Nessuno di voi, pertanto, si rinchiuda nel passato! Certo, la storia passata, anche se lo volessimo, non può essere riscritta. Ma la storia che inizia oggi, e che guarda al futuro, è ancora tutta da scrivere, con la grazia di Dio e con la vostra personale responsabilità. Imparando dagli sbagli del passato, si può aprire un nuovo capitolo della vita. Non cadiamo nella tentazione di pensare di non poter essere perdonati. Qualunque cosa, piccola o grande, il cuore ci rimproveri, «Dio è più grande del nostro cuore» (1 Gv 3,20): dobbiamo solo affidarci alla sua misericordia.

Il video dell’omelia su you tube: https://www.youtube.com/watch?v=-IhxLlI1VhI